Strategia Urbana d’Area: al via la selezione

Federica Sala
Strategia Urbana d’Area: al via la selezione

E’ possibile fino al 14 aprile la partecipazione al bando per i Comuni del Piemonte che intendono presentare Strategie Urbane d’Area nell’ambito del PR FESR 2021/2027. Successivamente (presumibilmente entro maggio), le aggregazioni ammesse dovranno presentare una propria strategia d’area, formata da specifici interventi concertati sul territorio attraverso forme di progettazione partecipata. 

In questa primissima fase, Regione Piemonte intende selezionare aggregazioni di Comuni gravitanti su più` centri urbani principali, accomunate da caratteristiche similari per contiguità, morfologie prevalenti, omogeneità strutturale, socio-culturale e sociale, servizi comuni e interazioni funzionali. Il bando mette a disposizione una suddivisione per aree delle possibili aggregazioni attivabili, nell’ottica di garantire i criteri fondanti sopra esposti. 

Ma cosa si intende per Strategia Urbana d’Area?

Le SUA nascono per favorire la promozione di una crescita equilibrata dei sistemi locali a vantaggio dei cittadini e delle attività` economiche, favorendo la convergenza verso un comune obiettivo di sviluppo del territorio mediante la concentrazione degli investimenti sulle potenzialità` dell’area. Al loro interno è possibile inserire investimenti in campo ambientale, culturale e digitale in favore della competitività` dei territori coinvolti e con la finalità` di promuovere e rafforzare l’attuazione di interventi integrati capaci di apportare crescita e coesione territoriale.

Come formare le aggregazioni

Le aggregazioni (ne sono previste 14)  di Comuni vedono al loro interno la presenza di un Comune capofila (con popolazione di almeno 14.000 abitanti ed in grado di dimostrare capacità e struttura tecnico/amministrativa e garantire la continuità del ruolo per tutto il periodo di attuazione della SUA), che si aggrega con altri Comuni contigui.

Le future Strategie Urbane d’Area

Le Strategie possono attivare al loro interno specifici interventi, tra i quali:

  • rigenerazione urbana, anche in chiave di inclusione sociale e messa in sicurezza degli spazi pubblici
  • valorizzazione del patrimonio culturale e naturale anche nell'ottica di mettere in rete e rendere più` attrattivi i territori dal punto di vista turistico
  • misure per il miglioramento della qualità` dell'aria
  • interventi di digitalizzazione, mobilità sostenibile e adattamento ai cambiamenti climatici, come linee trasversali alla strategia

Il bando consiglia di attivare un massimo di 10 progettualità per SUA, al fine di favorire concentrazione tematica e territoriale. 

Quale contributo per le 14 aggregazioni?

Regione Piemonte mette a disposizione delle aggregazioni una dotazione finanziaria pari ad € 131.707.543,00, così suddivisa tra le 14 aggregazioni:

  • una quota fissa pari ad euro 70.000.000,00 distribuita in maniera paritaria tra le 14 aggregazioni di comuni
  • una seconda quota pari a euro 30.853.771,50 attribuita tenendo conto della popolazione residente sul territorio di ciascuna aggregazione, in quanto il parametro della popolazione ne descrive la complessità` socio-economica del tessuto sociale
  • una terza quota pari a euro 30.853.771,50 attribuita tenendo conto della superficie territoriale di ciascuna aggregazione, in quanto l’estensione del territorio rappresenta l’indice urbanistico - ambientale del territorio

Il Team di FASTZero è a completa disposizione per supportare le aggregazioni nel processo di strutturazione della propria strategia. In particolare, Eur&ca e Weproject possono affiancarsi ai territori sia nel percorso di progettazione partecipata per animare i Comuni e fare emergere interventi e strategie condivise, sia per supportare nella nascita di strategie verticali legate alla valorizzazione ambientale e ai temi energetici.  

Restiamo quindi a disposizione per approfondire il bando e i suoi vantaggi. 

Ti interessa l’articolo?

Vuoi approfondire le tematiche che abbiamo trattato? Contattaci per avere maggiori informazioni.

Ti potrebbero interessare anche questi bandi


Bando Ruralis: agroecologia e inclusione sociale

Bando Ruralis: agroecologia e inclusione sociale

di Martina Tempesta

Fondazione Cariplo ha pubblicato il bando Ruralis, iniziativa dell’Area Ambiente che si pone come obiettivo l’aumento delle opportunità lavorative nell’ambito agricolo, rispettando i principi ...

Leggi
Orti di Lombardia: contributi per orti urbani e collettivi
Regione Emilia Romagna: bando per percorsi di transizione energetica